Into the past.

Il passato: un’arma a doppio taglio.                                                                                                                                                                                                                   Ti prende, ti illude, ti scuote, ti fa perdere i sensi…                                                                                                                                                                                     Ti fa capire che il passato non torna.                                                                                                                                                                                                                 Ciò che è andato, ciò che è stato non sarà.

Ecco servita la portata su un piatto d’argento.                                                                                                                                                                                               Con contorno di rabbia, rancore ed illusioni.                                                                                                                                                                                                 Assaporatene il gusto: un po’ amaro, quasi forte, aspro.                                                                                                                                                                           Nonostante ciò, continuiamo  a masticare, avidi.

In fondo, tutti amiamo mangiare ciò che nuoce al nostro organismo.                                                                                                                                               Carne cruda tra le viscere brucia come lame sulla pelle.                                                                                                                                                                           Non si dimentica ciò che è stato; non passa vicino indifferente; non ci fa più ridere al pensiero.                                                                                           Il lettore dovrà imparare che, una volta ritrovata la bomba inesplosa, dovrà essere cauto: prima o poi potrebbe scoppiare nelle sue mani.

Addolorato e compiaciuto,                                                                                                                                                                                                                                   nemico mortale delle nostre menti; azzardista dei nostri cuori.                                                                                                                                                           cammina sulle viscere del nostro ego, indifferente.

Una porta, una volta valicata, deve essere chiusa a chiave: i  demoni del passato potrebbero tornare a bussare.                                                         E’ necessario lanciare la chiave nel mare più remoto e lasciarla lì, in balìa della culla del mare verso gli oblii del lungo andare.

01.04.11

Annunci

~ di timpirinad su 2 aprile 2011.

Una Risposta to “Into the past.”

  1. Post grandioso… incalzante incedere di emozione…
    Leggi sto fatterello Dalila, da una storia realmente accaduta… direbbe lo sceneggiatore del film ingaggiato per riprodurlo…
    “il racconto d’un tale che era rimasto in prigione quasi dodici anni; era uno dei malati in cura dal mio professore. Aveva degli attacchi, di tanto in tanto era inquieto, piangeva, e una volta tentò perfino di uccidersi….
    Ricordava di aver fissato con terribile ostinazione il tetto e i raggi che se ne irradiavano: gli pareva che quei raggi fossero la sua nuova natura e che di lì a tre minuti si sarebbe in qualche modo fuso con essi… L’incertezza e la repulsione rispetto a quella nuova cosa che sarebbe stata e che sarebbe subito sopraggiunta erano terribili; ma diceva che per lui niente era stato così penoso, in quel momento, come l’incessante pensiero:” Se potessi non morire! Se si potesse far tornare indietro la vita, quale infinità! E tutto ciò sarebbe mio. Allora trasformerei ciascun minuto in un intero secolo e non ne sprecherei più nessuno!” Diceva che questo pensiero gli si era tramutato in una tale rabbia che, che aveva ormai il desiderio di venir fucilato al più presto.”

    Da L’Idiota… racconto del principe dell’ esperienza al palo di alcuni condannati a morte per delitti politici poi commutata con sentenza di grazia in lavori forzati….

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: